domenica 15 febbraio 2015

3 modi per riciclare i pastelli a cera rotti (la Crayon Melted Art è il primo!)

Non capisco l'entusiasmo del piccoletto alla vista dei coriandoli: gli basterebbe abbassare gli occhi al pavimento in un qualsiasi momento dell'anno per vederli ovunque sotto forma di pezzettini di carta, frammenti di matite, bricioline di didò...
Ammetto di gestire decisamente bene queste indegne condizioni sanitarie (leggi "me ne frego proprio"), ma quando si scatena il bisogno estremo di ordine, cerco di farmi aiutare al grido minaccioso: "ritiralo o te lo brucio!".

Ecco, questa volta i pezzetti di pastelli a cera sparsi sul pavimento non si sono salvati, sono stati crudelmente riciclati.

Se siete messi come me, ecco 3 modi per riciclare i pastelli a cera avanzati e un trucchetto semplice semplice per togliere la carta che li avvolge senza impazzire...
Iniziamo da qui: prima di riciclare qualunque pezzetto bisogna eliminare la carta (operazione che in genere procede di pari basso con le bestemmie per i riccioli di colore che si ficcano sotto le unghie). 



Come si fa? Orbene, basta immergere i pastelli nell'acqua calda per dieci minuti per riuscire poi a eliminarla tutta senza fatica. Zaaaaac!
 
E ora il primo riciclo, che ci ha permesso di tirare l'ora di pranzo domenica e di sperimentare la cosidetta "Melted Crayon Art", ovvero l'arte del pastello a cera sciolto (arte... vabbè!)

In pratica sciogliamo lentamente e dolorosamente i pastelli con strumenti di tortura e risata da cattivone dei fumetti




L'occorrente si trova già in casa, spesso sotto al divano: i pezzetti di pastelli a cera, un coperchio di scatola da scarpe e lui, il perfido phon!

Si fissano i pastelli a un angolo del coperchio con un pezzo di nastro adesivo, poi si accende il phon e lo si punta sui poveretti senza pietà!


Dopo un minuto o due i pezzetti inizieranno a sciogliersi, creando coloratissimi rivoli di arcobaleno, con il sottofondo di risatine stupite e perfide del piccoletto impegnato a sciogliere "i nemici" con il suo "cannone solare".

Dall'esperimento abbiamo appreso diverse informazioni utili!
1) i pastelli a cera si liquefano col caldo...


2) non bisogna fidarsi di un bimbo che giura di tenersi i calzini addosso



3) il phon della mamma è...


Alla fine il nostro capolavoro si è rivelato essere un divertente mezzo pastrocchio, ma se volete vedere esempi pregevoli e molto più dignitosi di Melted Crayon Art, guardate qui!


Il riciclo n.2 è forse il più famoso, eppure non l'ho ancora sperimentato! 
Si mettono i pastelli a pezzetti in formine di silicone da porre poi in forno finché saranno completamente sciolti. Una volta raffreddati ed estratti, i pastelli ottenuti saranno unici per colori e forme!
Claudia della Casa nella Prateria lo faceva già nel 2008 e spiega molto bene come in questo post.

(Se vi piace l'idea ma non vi va di impiastricciare le formine dei biscotti,  c'è chi lo fa per voi, come questo grandioso negozio su Etsy).

Riciclo numero 3: una fine veloce e impietosa sotto al ferro da stiro! 
Modalità ampiamente sperimentata, perché permette di dar vita a forme coloratissime per decorare le finestre, creare ghirlande per la cameretta o animaletti con cui sognare l'arrivo della primavera, come la farfalla a cera.




Le istruzioni per realizzarla si trovano qui.

Avete altre idee? Io e il mio pavimento intasato di pezzettini siamo in attesa di conoscerle!




12 commenti:

  1. Questa del ferro da stiro è veramente la giusta punizione per un oggetto malefico ( il ferro da stiro appunto), finalmente usato a scopo creativo! :D Qua da noi abbiamo ampiamente sperimentato il metodo fusione negli stampini! Consigliatissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti vorrei farli da un po'! Appena marito si distrae vado a cercare stampini in silicone a forma di draghi o macchinine!!! (ma poi si riescono a pulire o bisogna bruciare anche loro??)

      Elimina
  2. Ciao cara! Noi tempo fa abbiamo scoperto come creare "matitoni da borsa della mamma" che non la sporcano irrimediabilmente!!!!
    http://angyelmade.blogspot.it/2013/02/il-riciclo-dei-pastelli-cera.html
    Provate anche voi...la tua borsa te ne sarà grata!!!

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...