venerdì 17 maggio 2013

Giocare in casa: il dado bestiale!

Una delle conseguenze per il quasi-treenne del dover (di nuovo) giocare in casa per colpa di questa Primavera autunnale, è un accumulo di energie inutilizzate e di voglia, semplicemente di muoversi. 

Questo non è, ovviamente, un problema di Puki: il piccoletto ha mille risorse per sfogarsi: tour della casa in biciclettina, scalata del divano in loop (con arrampicata sul bracciolo, saltello sui cuscini, scalata dello schienale, atterraggio acrobatico e daccapo), nascondino e l'onnipresente "io scappo, tu prendi me!".

Come dicevo il problema non è suo, ma piuttosto nostro, perché oltre a veder disfare casa, dobbiamo, ovviamente, partecipare ai giochi, e quindi correre, saltare, strisciare, zig-zagare: un allenamento dei Marines al confronto ormai ci sembrerebbe una rilassante sessione di meditazione orientale!

Questo, quindi, è un giochino sperimentato con il chiaro intento di far sfogare il piccolo e contemporaneamente provare a tirare il fiato, e mo' vi racconto se ha funzionato. 



Il gioco è questo: si lancia il dado, si corre a vedere che cosa è uscito e lo si imita, in tutto e per tutto.

Costruire un dado è decisamente semplice: trovate qui un template da scaricare e stampare per accellerare il lavoro, sennò basta un cartoncino, una forbice e un po' di colla.

Si disegnano sei quadrati con linguette laterali, e si incollano, così.




A questo punto si può personalizzare il dado come si vuole, disegnando su ogni faccia il soggetto preferito. 
Per Puki non ci sono stati dubbi: animali!
E visto che stavamo preparando il giochino insieme, il che significa tempo zero da dedicare alla decorazione, i nostri animali sono stati ritagliati da figurine doppie e attaccati, semplice e veloce!



Sul nostro dado abbiamo attaccato un leone, un lupo, un orso, un pinguino, un canguro e un'ape: tutti animali che piacciono molto a Puki, di cui sa imitare versi, camminate (non vi dico vederlo fare il pinguino!), e atteggiamenti.

L'ultimo passo è spiegare al piccoletto come si usa un dado: si tira e si vede cosa esce. Concetto mica così semplice da afferrare per un quasi treenne e i "perché" si sono sprecati, ma quando ha capito lo spirito del gioco ha iniziato a divertirsi sul serio!




Il giochino ha funzionato! 
Per Puki intendo, perché il mio sogno di guardarlo giocare sorridendo placidamente mentre me ne stavo a sfogliare Vanity Fair sul divano si è rivelato essere, ovviamente, un' illusione ed è accaduta l'unica cosa che avrei dovuto immaginare...
"Mamma io leone, tu pinguino: tu scappi, io mangio!"
Ecco...

9 commenti:

  1. eh, beh..e in definitava non poteva non essere lui il predatore e la mamma la preda.. :)
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. Hahahaha.. ecco! però bello!

    RispondiElimina
  3. HAHAHAHA vi immagino, tutti e tre ad interpretare animali: Puki-leone, mamma-pinguino e papà-lupo!!!!
    www.giokaconleo.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. garantisco che poi crescono.....
    bella la tua idea

    RispondiElimina
  5. Quante belle idee! Sono una tua nuova follower, non ho bimbi ma nipotini e figli di colleghe! Suggerirò a loro di passare da te!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  6. ahahahahahaah!!! bestiale!!! :-D se questa primavera non si decide a venire dovrò farlo anche io...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu non lo sai, ma con questo dado mi stai salvando una mattinata da incubo!!!!

      Elimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...