venerdì 15 giugno 2012

Rose Minuscule, ovvero come raccontare con le immagini

 Comincio ad affezionarmi a questa quasi-rubrica di creativi ospiti. Non si tratta di post sponsorizzati, ma sono in genere esattamente gli sponsor che potrei volere: hanno in comune un'estetica innovativa e geniale, voglia di condividerla con gentilezza e umiltà, e sono profondamente ispiratori, ognuno a suo modo. Qualche post fa avevo mostrato le immagini della scrivania di Herzensart tratte dal suo blog: ogni scatto faceva venire voglia di afferrare forbici e cartoncino! L'ospite di oggi ha una caratteristica del tutto opposta: le immagini che mi hanno più colpita non sono quelle dei lavori in corso, ma quelle che mostrano i nuovi prodotti, in teoria quelle che vorrebbero convincermi ad acquistarlo, ma nulla negli scatti di  Rose Minuscule ha sapore commerciale, anzi, e la novità a mio vedere è questa, Laurence Bonnet racconta delle storie.
Tutte le immagini del post di oggi sono di Rose Minuscule
Vi mostro come fa.

 La prima volta che ho visto i piccoli pupazzi di Rose Minuscule sono rimasta incantata per qualche secondo senza capirne la ragione: a prima vista mi sembravano così romantici che io, maschiaccio per definizione attratta da mostri e robot, non riuscivo a spiegarmi la profonda sintonia che provavo, ma poi ci sono arrivata: sul suo blog Laurence mette in scena i suoi pupazzi, rendendoli protagonisti di veri e propri racconti delicati, buffi o tristi, della lunghezza di pochi scatti.
Noi siamo abituati a vedere sui nostri blog e nei negozi on-line immagini ben realizzate, la maggior parte delle volte. Le regole le conosciamo: un occhio alla luce, uno al diaframma, nella migliore delle ipotesi un po' di bilanciamento del bianco, ricordarsi di annullare lo sfondo e magari trovare una prospettiva interessante per mostrare il soggetto dei nostri scatti. 
Ma Rose Minuscule alza il tiro: a immagini ben realizzate unisce la geniale trovata di sviluppare, usando esattamente gli stessi pupazzi, diverse scene: cambiando prospettiva, pochi elementi di sfondo, avvicinandosi o allontanandosi dai soggetti, da vita a situazioni che hanno l'effetto di coinvolgere il lettore.
Ognuno di noi, quando crea qualcosa, qualunque cosa, da un pupazzo, a un vaso, al protagonista di un testo, si immagina la sua storia, ma raramente la racconta al suo lettore, gli lascia il compito di inventarsene una. 
Laurence invece la suggerisce e mi fa così provare empatia con il suo pupazzo, facendomi divertire, intenerire, emozionare e, per essere un po' cinici, aumentare la tentazione di portarmelo a casa. 
 Sono comunque certa, ed è questo l'aspetto più ispirante del lavoro di Laurence, che il suo modo di comunicare non valga solo per un blog, o per una creativa che presenta i suoi lavori, ma valga per tutti noi, per qualunque aspetto della nostra vita: trasformare in racconto ciò che vediamo, ciò che ci accade, è un modo semplice e al contempo magico di trasformare la realtà, fin troppo spesso grigia, ed è inoltre un gioco stupendo da fare con i nostri bambini... ("Guarda quella macchina rossa: dove sta andando? Chi la guida? Guarda quel signore sulla panchina: cosa sta pensando? Che lavoro fa?).
Voi cosa ne pensate?

10 commenti:

  1. penso che sono bellissimi!Qui da te ci sono un sacco di cose belle e ho già oreso nota di un paio di cosine da "scopiazzarti"!!!
    grazie per tutte queste idee...
    Un sorriso senza gatto
    Blu

    RispondiElimina
  2. credo che quella di saper raccontare una storia sia una dote innata, ma credo anche che si possa imparare. quando torno a casa ho sempre qualcosa da raccontare. non perchè abbia una vita intensa, anzi. si tratta del peso e del valore che si riesce a dare a ciò che ci accade intorno, alle persone che incontriamo. ogni mattina. imparare a raccontare storie significa imparare a vedere il mondo, a guardarlo, a metterlo a fuoco. questo ha insegnato a me mia mamma, e questo mi piacerebbe insegnare a mio figlio. post bellissimo. immagini molto belle e delicate. leggere, come tutte le piccole storie di tutte le mattine. mercì.

    RispondiElimina
  3. Sono meravigliosi!!! bella l'idea di incorniciarli!

    RispondiElimina
  4. Ma mi hai fatto scoprire un mondo meraviglioso.... Grazie, grazie, grazie davvero!
    Paola

    RispondiElimina
  5. Bellissima, grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  6. Non la conoscevo, è dolcissima. Mi sono innamorata del quadretto; ma poi ho visto le altre foto e sono diventata un'amante infedele!

    RispondiElimina
  7. bellissimi... ti suggerisco un sito www.pezziunici.com (e se passi da firenze c'è anche il loro negozio)... scommetto t'innamorerai anche di loro... :-)

    RispondiElimina
  8. Graziosissimo questo blog green ed originale!

    RispondiElimina
  9. come vorrei saper raccontare storie per immagini. questi omini baffuti mi mettono di buonumore

    RispondiElimina
  10. I used to be suggested this web site via my cousin.
    I'm now not certain whether this put up is written through him as nobody else understand such specified about my difficulty. You are incredible! Thank you!
    My blog post ; Short Term Loans 90

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...