venerdì 31 gennaio 2014

Liberiamo una ricetta (superfacile): le gelatine all'arancia

"Quello lo chiamo Fubbbo, quell'altro Gegnio, lui è velocissimo come un razzo, e lo chiamo Gomma"
"Emh… non capisco il collegamento, Puki, perché Gomma?" 
"Lo sappiamo io e lui. E quello è Addio!"
"Addio?? Amore, sarò scaramantica ma non mi sembra che porti bene questo nome. Perché Addio?"
"Pecché sono stufo di stare qui a guardare 'sti pesci, vado a prendere le macchinine. Addio!"

A casa nostra sono arrivati sei pesciolini rossi. A loro piccoli martiri, con la complicità di uno stampo di silicone che si trova nel posto giusto nel momento giusto, dedico la ricetta delle caramelle gelatine, super-facile e da fare con i bimbi, quando non avete voglia di giocare ancora con le macchinine, o chi per esse...



Ecco cosa occorre per preparare le gelatine:




Il procedimento è altrettanto facile: si mettono in acqua fredda i fogli di gelatina per una decina di minuti mentre, in un pentolino, si portano a ebollizione succo e zucchero, mescolando bene.

Molte ricette usano una quantità superiore di zucchero ma, anche se si tratta di caramelle, credo che si possa allegramente ridurla ora che le arance sono già di per sé così dolci! 
E poi, in questo modo, le proporzioni degli ingredienti sono facilissime da ricordare (10x10x100!).

A questo punto si strizza la gelatina e la si unisce al succo, mescolando bene. 

C'è ancora una cosa da fare:




Dopo qualche ora di frigo (o di balcone, viste le temperature di questi giorni!) non resta che...



Con questa ricetta partecipo a un evento che, nato tre anni fa come piccolo scambio di ricette on-line fra amiche, è diventato una giornata di festa virtuale, con la partecipazione sia di cuoche provette, sia di spadellatori della domenica che, come la sottoscritta, si arrabattano ai fornelli con sporadici momenti di gloria...

Se volete seguire l'evento o saperne un po' di più potete leggere il post di Barbara MammaFelice, in cui si riuniranno tutti i partecipanti, o cercare gli hashtag ufficiali da usare su Twitter, Facebook e Instagram: #liberericette #freearecipe

C'è infine un risvolto che va oltre al divertimento delle partecipanti, e che ha il sapore gustoso della solidarietà: chi partecipa all'iniziativa, o chiunque lo desideri, può donare l'equivalente di quanto speso per il piatto  al Centro Astalli di Roma. 
In questo modo inviteremo a tavola con noi, virtualmente, anche una persona che è dovuta scappare dal suo Paese per fuggire alla guerra e alla persecuzione e che qui in Italia deve ricominciare da zero. In particolare, ci piacerebbe dotare di stoviglie e pentole le famiglie che vivono nel centro di accoglienza Pedro Arrupe, in via di Villa Spada.

Si può effettuare la donazione tramite bonifico bancario, conto corrente postare o anche online, attraverso Paypal. Tutti i dettagli qui


"Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia.Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web". 


20 commenti:

  1. Lo stampo a forma di pesciolini è veramente carino!! :D

    RispondiElimina
  2. Davvero una bella idea... la testerò immediatamente sui miei monelli!

    RispondiElimina
  3. Giada sono bellissime e furbissime! Andranno bene anche per i bambini grandi... tipo come me?! ;)

    RispondiElimina
  4. Fantastiche!!! le voglio provare anche ioooo!
    Mando subito il medio a spremere ^_^

    RispondiElimina
  5. Hai sempre la capacità di farmi sorridere, anche in cucina... :)
    (e il Puki è troppo troppissimo simpatico)

    RispondiElimina
  6. bella bella bella!
    la pinno e poi la faccio!
    grazie! unabbraccioi, mirò

    RispondiElimina
  7. Bella idea... mi piacerebbe provarci con l'agar agar...

    RispondiElimina
  8. Nooo!!! bellissimi i pesciolini di gelatina! Li farò vedere ai miei bambini!

    RispondiElimina
  9. ciao complimenti per il tuo blog, mi sono unita ai tuoi lettori...

    RispondiElimina
  10. The selection of the 2015 annual uggs outlet retirement livable countries, South American countries Air Jordan 11 Gamma Blue of Ecuador composite score 92.7 Christian Louboutin Bois Dore points once again Christian Louboutin Daffodile become the most livable countries in North America retirees. Among them, Ecuador christian louboutin remise 50% on climate and housing indicators get out, get a ugg pas cher score discount nike jordans of 96 special benefits in the elderly."International cheap nike jordan shoes Living" magazine, said the discount christian louboutin low cost of living is Bags Louis Vuitton one of the biggest advantages of Ecuador. There, "to see a ugg soldes doctor only wholesale jordan shoes needs about $ 10, the lowest for a Discount Louis Vuitton meal in a ugg australia restaurant uggs on sale as long as 250 Cheap Louis Vuitton Handbags dollars; including rent included, an American couple in the cost of living here is just $ 1,400 a month."In addition, older people in all Cheap LV Handbags aspects of life can enjoy special benefits, but also Ecuador cheap christian louboutin praiseworthy. For example, over 65 years old to purchase from Ecuador christian louboutin shoes flights can enjoy discounts, watch Discount LV Handbags movies or cheap jordans participate in sports activities to ugg boots enjoy half-price concessions in the christian louboutin country.In the low ugg cost of living, while Ecuador there are many world-renowned natural and cultural attractions, as settlers provide the perfect entertainment choice.

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...