giovedì 31 gennaio 2013

liberiamo una ricetta: i dolcetti rustici ai pinoli di Elisa

Oggi ho un'ospite, è un'amica, di quelle care, che quando inviti a cena arrivano con un sorriso e gli avanzi per improvvisare il secondo e ti aiutano a preparare il tavolo, perché sanno meglio di tuo marito dove trovare i tovaglioli e i bicchieri. 

La mia amica ha moltissime qualità e un enorme difetto: quello di non riconoscere mai veramente nessuno dei suoi pregi... quella dannata mania di perfezionismo, Elisa!
Tra le altre cose Elisa è una ottima cuoca, di più, mancata pasticcera, abile al punto da decidere di buttarsi, dopo la nascita della bimba, in un complicato e bistrattato ambito della produzione dolciaria: i dolci "senza".

Senza uova o senza latte, senza burro o senza glutine: i "senza", detestati dai golosi di tutto il mondo, si trasformano nelle sue mani in fragranti e leggerissimi dolcini, che si possono mangiare a palate con moderati sensi di colpa e preparare a cuor leggero per le merende dei bimbi.

È il caso dei suoi dolcetti rustici ai pinoli, la ricetta che oggi Elisa ci regala in occasione dell'evento "Liberiamo una ricetta!"

Foto e ricetta di Elisa Falorni
Vi racconterò qualcosa in più su questa ghiotta iniziativa... dopo avervi regalato la ricetta  di Elisa: a lei la parola!

Ingredienti:

Farina 00                            200 gr
Farina integrale                   100 gr
Zucchero bianco                  65 gr
Zucchero di canna integrale  65 gr
Olio                                    65 gr (io di semi spremuto a freddo)
Succo di mela                      65 gr
Uova                                    1
Un cucchiaino abbondante di lievito
Un pizzico di sale
Scorza di limone
Pinoli a volontà

Per l'esecuzione sono necessarie 2 ciotole, 2 cucchiai e 10 occhi per non far rovesciare niente ai nanetti! ;-)
Si mescolano in una ciotola capiente le farine con il sale e il lievito.
Nell'altra ciotola si mescola il succo con lo zucchero. Quando è "sciolto" si unisce l'olio, l'uovo e la scorza di limone.  Una volta mescolato si versa nella ciotola della farina.
Si uniscono i pinoli e si mescola il tutto.
Mettere su una teglia coperta con carta forno a cucchiaiate.. magari facendosi aiutare dai bimbi.. io l'ho fatto, e ho pure le prove, ma non sono un granchè..
Lasciare nel forno statico a 200 gradi per 10 minuti

Tutto qua!

P.S. I liquidi li ho pesati con un biccherino in modo che poi la peste lo potesse mettere da sola nella ciotola.. m'è toccato farlo pure con l'uovo perchè c'aveva preso talmente gusto che s'era impuntata che voleva aprirlo lei!!!! Va beh.. ;-)

  E adesso l'evento che ha immediatamente fatto pensare sia ad Elisa che a me di partecipare unendo le forze culinarie (sue) allo spazio su un blog: "Liberiamo una ricetta!"
L'iniziativa è alla seconda edizione: è nata l'anno scorso come gesto di solidarietà e di affetto fra un gruppo di amiche "virtuali". Quest'anno si replica: si regalano ricette come accade fra amiche, al termine di una cena, con gli ingredienti scarabocchiati su un fogliettovolante.
Vi consiglio di curiosare nelle cucine delle partecipanti: alcune sono cuoche provette, altre si arrabattano come tutte, e altre infine, come la sottoscritta, hanno aperto la loro casa alle amiche, che le occasioni per fare due chiacchiere non sono mai abbastanza!

Se volete seguire l'evento o saperne un po' di più potete leggere il post di Barbara MammaFelice, in cui si riuniranno tutti i partecipanti, o cercare gli hashtag ufficiali da usare su Twitter e Instagram: #liberericette #freearecipe

C'è infine un risvolto che va oltre al divertimento delle partecipanti, e che ha il sapore gustoso della solidarietà: chi partecipa all'iniziativa può donare l'equivalente di quanto speso per il  il piatto a sostegno della mensa per i rifugiati gestita dal Centro Astalli di Roma. La donazione può essere effettuata anche dai commensali: qui trovate tutte le informazioni.

"Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web".

11 commenti:

  1. Ma ringrazia Elisa anche da parte mia!!! Sembrano semplici da fare, veloci. Sento che posso farcela, posso provarci :)))
    yeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può fare!!! E vai liscia: le sue ricette sono facili, se le fa lei e te le porta a casa come dolce vengono più buone, ma pazienza...

      Elimina
  2. nonostante sia passato il mio periodo dei dolci "senza" e io navighi felicemente nel mare del colesterolo, proverò a farli, perchè amo, follemente, i pinoli!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io!! In realtà mi viene più facile dimenticare tre muffin senza piuttosto che una dose di tiramisù, ma a parte l'impitoso commento dei miei jeans posso dire di sbranare entrambi con gran soddisfazione!

      Elimina
  3. Devo ancora fare merendaaaaaaaa noooooooooooooooo sembrano strabuonissimi! XD

    RispondiElimina
  4. Sei il sesto blog di seguito che mi mette davanti dei dolci, sto per mettermi a piangere :P

    RispondiElimina
  5. Un inchino ad Elisa perchè mi incuriosiscono molto!!!

    RispondiElimina
  6. Ho citato lo spara-palline sul mio blog :-) Lena

    RispondiElimina
  7. Complimenti per il tuo blog e per le cose che fai!!!!Se passi da me c'è un piccolo premio per il tuo blog!!!
    Http://oggimisentocreativa.blogspot.com
    Lucy

    RispondiElimina
  8. ok....questi biscotti sono diventati una "droga" praticamente ad ascoltare la mia famiglia (di 54enni e un 24enne!!!!! :)) dovrei sfornarne ogni giorno.....sono fantastici e velocissimi da fare...grazie mille x qst mega regalone...... Ilaria &family!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria, grazie a te per essere passata a dirmelo: non hai idea dell'espressione stupita e contenta della mia amica quando le ho mostrato il tuo messaggio: era entusiasta!

      Elimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...