domenica 25 novembre 2012

Il puzzle, le decorazioni di Natale e le sette vite del didò

Questa è la storia di un piccolo pezzo di didò, e della sua trasformazione da pasta per modellare in gioco puzzle a incastro e poi in decorazione di Natale...
Che detto così sembra un racconto dell'orrore, ma si tratta di una favoletta natalizia!

Era un pomeriggio buio e tempestoso.
Un piccolo duenne biondo attendeva l'ora della cena ritagliando forme nel didò. Al suo fianco la mamma si dedicava con impegno, del tutto inadeguato alla sua età, a costruire modellini di fiori e funghi.
Un petalo in particolare le stava dando grande soddisfazione e lo mostrò al suo piccolo: il didò rosso e il bianco si erano abbracciati per creare delle spirali di colore che presto, entrambi lo sapevano bene, avrebbero lasciato il posto al marrone cacca, il solito triste colore del didò mescolato...

Ma se questa volta non fosse accaduto?? Se ci fosse stato un modo per salvare quei bei colori, e trasformare il didò in qualcosa di diverso dal grumo secco nascosto sotto al divano?

La mamma raccontò la sua idea al piccolo biondo, che la guardò scettico, esclamò "trattoreee" e riprese a ricavare mietitrebbie con le formine.
Senza lasciarsi scoraggiare la mamma si mise al lavoro per donare al didò la prima delle sue nuove vite e creare...

La mamma stese per bene il didò, ricavò un cerchio spesso circa mezzo centimentro ritagliando la pasta con un bicchiere ed estrasse dal cassetto i tagliabiscotti dell'Ikea, quelli piccoli, con cui ricavò delle forme al centro del cerchio. 

Dopo aver lasciato asciugare il didò, dimenticandolo in un angolo come sempre per un paio di giorni, lo riprese in mano per mostrarlo al suo bimbo che capì il giochino in pochi istanti, e incredibilmente si divertì a ricomporne i pezzi per almeno un quarto d'ora!


La mamma quella sera preparò la cena sculettando dalla gioia e sospettando il miracolo, poi guardò pensosa quelle forme colorate ormai dimenticate sul tavolo: continuava a trovarle molto belle e pensò che forse c'era un modo per salvarle ancora una volta.
Decise di regalare loro una nuova vita: per farlo le occorreva un nastro o, meglio ancora, della lana, con cui creare un gancetto per appendere le forme e dei pom pom per decorarle.

Fu così che il piccolo pezzo di didò si ritrovò un bel giorno a guardare dall'alto di un ramo i resti ormai secchi e color cacca del cugino dimenticato dietro al vaso: pervaso di gratitudine e di spirito natalizio si impegnò con entusiasmo a essere la più colorata delle decorazioni dell'albero di Natale!


E vissero tutti felici e contenti!

23 commenti:

  1. Happy ending! :)
    Bellissima idea, post che fa iniziare bene il lunedì :) Grazie, bravi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! È il tuo commento che fa iniziare bene il lunedì più bigio che la pianura padana ricordi...

      Elimina
  2. Sei un pozzo di creatività senza fondo! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che mi farò una maglietta con il tuo complimento, o lo metterò sui biglietti da visita, perché suona meglio di "irriducibile cazzara che lascia scuocere il risotto per fare giochini col didò";D

      Elimina
  3. Risposte
    1. e io ricambio con passione! (aaargh, ma devo scriverti!! Scusa!!)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Dai Elena, salva anche tu un pezzetto di didò dal suo spietato destino!!!!

      Elimina
    2. AAARGH!! Elena, devo ancora rispondere anche a te! Scusa!! Arrivo, promesso!

      Elimina
  5. Son sempre soddisfazioni tutte le volte che si riesce a recuperare qualcosa in maniera creativa, complimenti per l'idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! E sì, sono piccole cose, anche un po' sciocche, ma danno grandi soddisfazioni!;D

      Elimina
  6. non so dirti quale idea mi piace di più!!! La mamma che pasticcia con il didò fa cose strepitose!!! A noi di solito il didò finisce sotto alla suola delle scarpe :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SISISI, anche a noi! Generalmente Puki semina bricioline rinsecchite ovunque, e poi lo trovi in un angolo della stanzetta con la faccia arrabbiata, impegnato a grattare via il didò spiaccicato dai pallini dei calzini antiscivolo...

      Elimina
  7. Mi piace questa storia del signor didò che accetta i cambiamenti con gioia, si adegua alle novità e diventa niente popò di meno che.... un decoro per albero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gio' grazie!
      Sì, in effetti è stato decisamente malleabile! ;)

      Elimina
  8. Love you! ^___^

    Mara (in attesa che ci regalino il didò...la nana per ora lo mangerebbe)

    RispondiElimina
  9. La favoletta è da pubblicazione!!! ;-)
    Che ridere! E le decorazioni sono una genialata!
    Piove ancora... ma vedo che ti concilia... :-D

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...