mercoledì 12 settembre 2012

riciclare la plastica: la medusa dell'acquario

Quando si è al mare con un piccolo duenne, con a disposizione un appartamento prestato da amici, delizioso, ma più piccolo della casa di Barbie, veder arrivare nuvoloni carichi di pioggia significa una sola cosa: suicidio. 
Non esiste nessuna altra soluzione per sopravvivere in un minuscolo spazio vitale con un bimbo ormai avvezzo alla vita di spiaggia, che continua a invocare le onde e la sua amata amichetta Lisa. Ormai prossimi alla ineluttabile fine abbiamo avuto un'ispirazione: l'acquario!
Sapevamo perfettamente che Puki era troppo piccolo per poter affrontare una intera visita all'acquario, ma sapevamo anche che la sua passione per i pesci ci avrebbe permesso di farlo divertire, prima dell'inevitabile tracollo!
Siamo entrati armati soprattutto di santa pazienza e buona volontà: ci aspettavamo di tutto, tranne l'indiscutibile successo riscosso dall'iniziativa! Certo, mentre tutti urlavano per gli squali nostro figlio saltellava impazzito indicando le bolle... certo, mentre gli altri ridevano per le evoluzioni delle foche, Puki si innamorava della porta di emergenza rivestita da pois colorati, ma una vasca lo ha interamente e completamente sedotto: quella delle meduse! 
Questi piccoli scifozoi (emh... n.d.v. nota del marito veterinario), sono incantevoli: la loro trasparenza e i piccoli movimenti con cui si spostano sono assolutamente ipnotici. È stato difficile allontanarci dalle vasche e convincere Puki a continuare la visita: le meduse sono state al centro dei suoi ricordi di piccoletto per un bel po'. 
Per questo quando ho visto il gioco inventato da Bhoomplay ho deciso di provare a realizzarlo: un successone con il piccoletto, quindi condivido la spiegazione per fare


Innanzitutto la scarna lista della spesa

Il sacchetto ideale è quello in cui si avvolge la frutta e la verdura al supermercato. Unica avvertenza: il giochino, pronto in cinque minuti, è risultato perfetto per incantare un nano di due anni, ma temo che un bimbo più grande e scafato non si lasci raggirare... certo a meno che sia lui stesso a costruirlo, cosa perfettamente fattibile! 
Ergo: fregate i duenni ma coinvolgete i seienni!

Ora il primo passaggio:






Il fondo del sacchetto di plastica diventerà la testa della nostra medusa: si riempie con un po' di acqua e si stringe alla base in modo da creare un palloncino grande circa 3 centimetri.






Si ritaglia una sottile striscia dal bordo del sacchetto per chiudere il palloncino con quaclhe giro e qualche nodo: l'acqua non deve uscire!















Dal sacchetto si ritagliano poi alcune strisce, lunghe circa quindici centimetri, che costituiranno i tentacoli della medusa. Si avvolgono le strisce intorno alla testa e con un po' di cautela e calma (di cui sono completamente priva, ma che raccomando) si infila la medusa in una bottiglia di plastica piena d'acqua, se volete colorata di blu.





La medusa è pronta!






Muovendo e capovolgendo la bottiglia si riproduce il lento ondeggiare delle meduse. Io ero entusiasta del risultato del semplice giochino! Il piccoletto?
Dapprima era perplesso...


Poi, appena ha capito il meccanismo per far nuotare la medusa, si è appassionato!


E alla fine, da vero nativo digitale, ha iniziato a condividere la scoperta con gli amici...


Ribadisco, successone!

P.S. Dai commenti sono scaturite soluzioni assolutamente geniali per variare il procedimento... siete arrivati fin qui, tanto vale che diate un'occhiata a cosa si potrebbe fare aggiungendo colore, sacchettini igienici per cani e bottiglie di latte! E chi più ne ha più ne metta!! ;D

23 commenti:

  1. ci proverò sicuramente... grazie

    RispondiElimina
  2. che bella!!! hai sempre delle idee geniali! domani la facciamo, spero solo di riuscire a far passare "il cappello" pieno di acqua attraverso il collo della bottiglia senza rompere tutto!!! :-D :-D buona serata!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo so! È stato il punto critico, ci vuole la calma che non ho! Lasciando un po' di plastica a disposizione del palloncino si può spostare l'acqua e allungare la forma: insomma è una vaccata da fare, ma bisogna essere un po' più pazienti della sottoscritta, a mae già veniva il nervoso...
      Fammi sapere com'è venuta!
      Buona notte!
      G.

      Elimina
  3. Interessante e d'effetto. Con calma e tempo proverò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo è poco, la calma è da Dalai lama... ma ho intravisto una soluzione, due commenti più in giù!
      Bacione!
      G.

      Elimina
  4. carinissima idea (come sempre)! mi viene un'idea: avevo fatto esperimenti da "piccolo chimico" quest'estate... la medusa quasi quasi la metto sulla bottiglia con il colorante blu, che ho ancora in bagno, l'effetto dev'essere ancor più "marino", che voglia di mareeeeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il colorante blu è perfetto! Proprio come all'acquario! Ragazze, ascoltando voi la riprovo con un sacco di modifiche, praticamente state costruendo la medusa 2.0!

      Elimina
  5. Bellissima!!!!!
    eh anche io non sono dotatissima di calma però ci posso provare ....
    forse può essere utile usare le bottiglie del latte che hanno la parte del tappo un pochino più larga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un genio. Punto.
      Assolutamente sì!!!!Tra l'altro pesano anche mezzo chilo in meno della mia, che per le braccia piccole fa una bella differenza!!!MA perchè non ci ho pensato!?!?!?
      Genio!

      Elimina
  6. stupenda!!!!!!!!!!!!!! ma voglio fare anche io!!! penso che ruberò un sacchettino per roccogliere i bisogni della cagnolina dei miei (che è rosa tenue)!! così sara ancora più "medusosa"!! bellissima idea, come al solito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo! Cinzia!Ma è un'altra idea fantastica!Mi sa che aggiungerò delle note al post perchè mi avete tramortito con una serie di varianti geniali!
      Grazie!

      Elimina
  7. Schifozoi è perfetto. La bottiglia con medusa bellissima e non è mai troppo presto per l'acquario!

    RispondiElimina
  8. meraviglia......dobbiamo assolutamente provare.....

    RispondiElimina
  9. Sembra vera! E il due ne è splendido!

    RispondiElimina
  10. anche le bottiglie del te grandi tipo estate hanno il buco più grande!!!! e sono bella grandi da i litro e mezzo!!! e mettere il colorante dentro alla testa della medusa? forse troppo complicato ma sarebbe in tecnicolor!!!!

    RispondiElimina
  11. no... io non ho niente da aggiungere... ma la proveremo sicuramente!! bellissimo l'acquario che avete visitato!!! :-D

    RispondiElimina
  12. ...devo provare...
    e se mettessi l'olio nella medusa, di modo che galleggi sempre?

    RispondiElimina
  13. Arrivo qui tramite Alex (e il suo linky party)....e la tua è un'idea assolutamente meravigliosa!!!!! Devo solo inventarmi un modo per non far svitare il tappo al mio quasi dueenne, perchè è la prima cosa che (giustamente) prova a fare quando si trova una bottiglia tra le mani! (poi la rovescia e la usa come microfono...chi gliel'ha insegnato non lo so, dato che è sempre a casa con me hehehe)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta!!! Eeeeh, li conosco 'sti duenni: io l'ho incollato con la colla a caldo, scelta poco democratica che lui ha sfidato un paio di volte provando a svitare con tuta la forza che aveva, maha visto la medusa e si è dedicato a shakerare quella... Però lo spettacolo col microfono quasi merita l'inodazione della casa...
      se vuoi provare consiglio le bottiglie del latte come suggeriscono nei commenti: hanno l'apertura del tappo più grande! MA poi fammi sapere!!
      G.

      Elimina
  14. Accipicchia ripasso dopo 2 settimane e che upgrade! Secondo me fra poco ci scappa il brevetto internazionale

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...