martedì 18 settembre 2012

due chiacchiere creative con Arianna Coltorti


La prima volta che ho incontrato una delle creazioni di Arianna stavo cercando tutt'altro quando in un angolo dello schermo all'improvviso ho visto un ritratto di Puki! Sono sobbalzata sul divano e ho cliccato sull'immagine per ingrandirla: non si trattava di mio figlio, ma del suo gemello di bottoni e carta da parati!
Inutile aggiungere che ho completamente lasciato perdere la mia ricerca: mi sono persa per l'ora successiva viaggiando tra i ritratti di Arianna Coltorti e mi sono innamorata della loro creatrice e della sua idea (d'altra parte quando incontro una persona che dichiara: "...per fare il nasino di un cane ho usato un lucchetto, mentre per gli occhi uso delle vecchie guarnizioni idrauliche" io non posso esimermi dall'amarla!)

Per questo oggi sono entusiasta che Arianna abbia accettato di rispondere a qualche domanda per conoscere meglio il suo mondo, le sue tecniche e lasciarci allegramente ispirare dalla sua creatività! 
Dalla galleria di Wallpeople: Giacomo, Francesca e Mariolina
Parlaci di te e di come nasce il progetto Wallpeople.
Mi chiamo Arianna Coltorti e sono un’art director. Fin da piccola sono stata una grande osservatrice, assetata di creatività, e da sempre adoro sporcarmi le mani. Con una spiccata predisposizione al disegno, ho frequentato il liceo artistico e poi un corso di Art direction. Approdata nella pubblicità, dapprima ne resto affascinata, ma presto mi accorgo che mi manca qualcosa: la manualità. Così, mentre sono a casa in maternità, decido di riaprire il mio armadio pieno zeppo di stoffe, bottoni, passamanerie e carte da parati e di farci qualcosa. Nasce Wallpeople, il mio nuovo piccolo universo personale dove mi rifugio per farmi spazio tra pannolini e lavatrici. Già, perchè i bambini sono meravigliosi ma, specialmente se ne hai più di uno, ti annientano e ti succhiano l’anima!

Ci racconti il tuo processo creativo? Dove lavori? Con quali strumenti?
Quando posso lavoro di immaginazione, altrimenti su commissione. Tra i miei clienti, spiccano le mamme che mi chiedono il ritratto dei loro bambini: mi mandano una foto via mail e nel giro di 3 settimane il ritratto è pronto. Ma i miei soggetti variano molto: bambini, adulti, coppie di sposi e animali. 
Dove lavoro? Per ora sul tavolo della mia sala, almeno posso vedere i miei bambini giocare, ma mi piacerebbe tanto riappropriarmi del mio studio così da non dover riordinare ogni sera! 
I materiali che uso sono quasi tutti di recupero, io non butto via niente. Ad esempio per fare il nasino di un cane ho usato un lucchetto, mentre per gli occhi uso delle vecchie guarnizioni idrauliche. Poi stoffe e, come base, carte da parati, la mia grande passione.
Come cerchi e scegli i materiali che usi?
Bazzico spesso per i mercatini, in cerca di qualche pizzo o applicazione particolare. Poi ho una batteria di gentili signore che mi portano scampoli di stoffe e vecchi bottoni. Per i materiali “pesanti” svaligio l’officina di mio suocero, meccanico in pensione.

Come ricarichi le tue "batterie creative"?
Mi ricarico osservando la gente. Spesso ci sono persone che attraggono la mia attenzione con dei tratti somatici particolari e mi viene voglia di ritrarli. Oppure navigando per ore tra siti di decorazione d’interni e di tessuti.

Che cosa significa per te “handmade”? Qual è il valore aggiunto?
L’handmade è la mia filosofia. Non significa solo “fatto con le mie mani” ma anche che nessun altro ha lo stesso oggetto sulla faccia della terra. Ho sempre odiato vestirmi come si vestono tutte, adoro il vintage e personalizzo ogni dettaglio della mia vita, mettendoci del mio. 

Maya
Il tuo collage preferito? 
Ultimamente ho ritratto una bella settantenne ed è uno dei miei collage preferiti.
Però sono molto affezionata a Maya (un cane razza boxer) e a Margherita, la prima bambina che ho ritratto: aveva solo 9 mesi ed è stato buffo creare la sua silhouette: testona, occhi enormi e boccuccia piccola. 
La piccola Margherita
Obiettivi futuri?
Ovviamente mi piacerebbe che questa diventasse la mia attività principale e non solamente un Piano B. Devo dire che per fortuna ultimamente ho un sacco di richieste e, da inguaribile ottimista quale sono, ci credo molto.

Ci credo molto anch'io! Credo molto che essere creativa e inguaribile ottimista sia un connubio che il karma alla lunga non può ignorare!
Ultima domanda: dove ti troviamo e come possiamo contattarti?
Per informazioni potete scrivermi a acoltorti@yahoo.it 
Il mio sito è: wallpeople.tumblr.com
Se volete vedere i miei lavori dal vivo, il weekend del 6\7 ottobre saranno esposti presso il negozio Parents a Milano, in via Molino delle Armi 41. Vi aspetto!


E io ne approfitto per dire che mi piacerebbe, di tanto in tanto, porre le stesse domande a qualche creativo che abbia voglia di raccontarci il suo mondo. Che ne dite?
Se vi va di partecipare potete scrivermi a giada@quandofuoripiove.com

23 commenti:

  1. Creativa, ottimista, mamma. Questi ritratti sono delicati, originali, divertenti.
    Posso ringraziare tutte e due per questo post, queste foto e per l'entusiasmo che mi ispirano?
    Stupendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso ringraziare per il commento perfetto? Al solito mi gasi un sacco!!
      Bacio grande!

      Elimina
  2. Bravissima verro spesso a trovarti con due gemelle poi vedrai come gli piacera‘ vedere queste faccine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora, sono certa che le adoreranno!!

      Elimina
  3. Grazie Debora e Barbara. Vi aspetto alla mia mostra il 6/7 ottobre da Parents a Milano!

    RispondiElimina
  4. Wow, ma sono uno più bello dell’altro!
    Grazie per avermela fatta scoprire :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, un piacere! E poi ha praticamente fatto tutto Ari!! ;D

      Elimina
  5. ma che bellie che fantasia, sono felice di avermi fatto conoscere Arianna, complimenti a questa artista!
    ciao valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, bellissimi vero? Certe persone ti aiutano a ricaricare le batterie di creatività & buonumore!

      Elimina
    2. Grazie Valeria! ti aspetto alla mia mostra ;-)))

      Elimina
  6. mi associo! oltre alla bravura qui abbiamo un esempio di ottimismo veramente contagioso. è bello pensare che l'handmade sia davvero il futuro di un mondo ormai preda dell'omologazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è bello, richiede davvero tutto l'ottimismo di cui siamo capaci, ma è un bel modo di usare le energie!
      BAcione

      Elimina
    2. Grazie anche a te Nicoletta!

      Elimina
  7. Risposte
    1. bella e brava, le ha tutte!

      Elimina
    2. Grazie Giada, sei una dei pochi blogger che non mi ha chiesto nulla in cambio del post... Ho molto apprezzato! Anzi, se mi mandi una foto di Puki ti regalo il suo ritratto. Baci

      Elimina
  8. Grazie mille per avrci aperto un mondo nuovo e come sempre creativo ;D
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna grazie a te, quel "come sempre" regala molta soddisfazione!
      Buona giornata!

      Elimina
  9. Un'intervista così va proprio letta quando fuori piove; poi a vedere questi piccoli capolavori e a ricevere questa sferzata d'ottimismo viene voglia di tirare fuori tutta la propria creatività e mettersi a cucinare, cucire, scrivere, dipingere, ecc. Grazie di cuore a tutte e due! Ma una mostra a Lussemburgo no?!

    RispondiElimina
  10. carinissimi!!!! e gran bella intervista!! :-D

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...