venerdì 27 aprile 2012

I papaveri rossi fatti da me

I papaveri rossi sono i miei fiori preferiti: mi piace il loro colore sfacciato che, dopo le mille gradazioni pastello della Primavera, mi fa venir voglia di tirar fuori quel vestitino con la gonna a ruota e smaltarmi le unghie, adoro il loro carattere sfrontato e testardo, che li fa crescere negli anfratti del cemento cittadino, e rispetto, seppur a malincuore, il loro amore per la vita selvatica, che li rende difficilissimi da addomesticare e, se raccolti, li fa sfiorire dopo poche ore.

Dopo aver commesso svariati "papavericidi" mi sono infine rassegnata: ho smesso di molestare i papaveri al bordo della strada e ho iniziato a torturare la scatola dei colori. 
Questo è il mio papavero fai-da-te.

Realizzare un finto papavero è molto più semplice che convincere uno vero a vivere in un vaso: occorrono semplicemente alcuni fogli di carta da lucido (magari quelli avanzati dopo aver giocato con il caleidoscopio...) e colori (tempere o acrilici o colori ad olio, quello che gira per casa...)

Innzitutto si ritagliano, senza troppa precisione, due cerchi di carta da lucido e si lascia cadere una goccia di colore nero nel centro.
Sembra una faccina stralunata!L'espressione che avevo al mattino quando Puki si svegliava una decina di volte per notte...

Alcune gocce di rosso vanno poi circondare il centro nero.
Umh... no QUESTA è l'espressione che avevo dopo quelle atroci notti!!!
Si sovrappongono i due cerchi e si spiaccica (termine poco italiano, ma molto chiarificatore...) il colore racchiuso fra i dischi con le dita, spingendolo, senza troppa cura, verso i bordi e lasciando che si mescoli nel modo che preferisce.
Tutto qui!
Questo è l'effetto dei papaveri appoggiati su una superficie...
E questo è il nostro papavero visto controluce.
Il bello di questa tecnica è proprio la sua semplicità, che la rende perfetta per coinvolgere i bambini nella preparazione dei fiori! 
Inoltre ogni imprecisione è benvenuta (cosa che la rende per me, imprecisa per antonomasia, la tecnica ideale!). Ogni impronta digitale, ogni bolla d'aria, ogni accumulo di colore non fa altro che rendere unico il papavero (o qualsiasi altro fiore stia nascendo...).
Dopo poche ore dalla realizzazione il colore si asciugherà, unendo fra loro i dischi e rendendo i papaveri resistenti alle intemperie come i loro cugini selvatici!
A questo punto si può decidere di usare il fiore per decorare un pacchetto, per realizzare un ciondolo da regalare a una bimba amante della natura, di unirne fra loro diversi per formare una ghirlanda...
o si può, finalmente, decorare il tavolo con il tanto agognato vaso di papaveri!


P.S.
Questo post tutto rosso partecipa al Mercoledì dell'Arte di Priorità e Passioni! Giorgia... ce l'ho fatta questa volta!!


45 commenti:

  1. io amo papaveri...è questo post mi ha lasciata a bocca aperta!
    Ok oggi pomeriggio papaveri a gogo :-D

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia...hai le mani d'oro!

    RispondiElimina
  3. Ma che cosa assolutamente sfiziosa!!1Bellissimi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oooh, ragazze, grazie! Che bellissimi commenti!I miei papaveri sono molto orgogliosi di avervi conquistate!!!

      Elimina
  4. Spettacolare! Ecco come catturare la bellezza effimera dei papaveri: spiaccicando colore fra fogli di acetato.

    Penso che tu sia un genio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha!!!! In effetti è il modo scelto per onorare la loro fragilità... >SPLATT!!!
      Grazie, baby, ma la mia ipotetica pseudo genialità è comunque limitata alla nobile arte del paciocco...

      Elimina
    2. Eccerto, fosse così il mondo sarebbe pieno di genii..
      Ma va vaaaaaaaaa :)

      Elimina
  5. meravigliosi! Ora, domanda: la Nana me li lascerà fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la domada è legittima: Puki ha onorato di un WOW il risultato finale, ma nella realizzazione il suo contributo è stato lo spiaccichio!!!

      Elimina
  6. Adoro i papaveri... i tuoi? Bellissimi!!! Assolutamente da provare a replicare (e pinnare, posso vero?) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Mi pinni? Uh! Emozione! Pinna pinna, mi fa piacere!! (e mi evita di farlo da me!!Uahuahuahauahha)

      Elimina
  7. questi tutorial semplici e rapidi sono davvero entusiasmanti... potrei provare a farli azzurri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie! In effetti sono timerizzati, qui il tempo libero scarseggia, così come la precisione per affrontare compiti più ardui!!!!!;D
      Puoi farli come preferisci, tenterò le margherite, seconde nella mia top ten dei fiori!

      Elimina
  8. carinissimi... anche a me piacciono da morire i papaveri ma, come dici tu, non durano niente in vaso... :-) proverò a farli con Tommi, grazie per la bella idea!

    RispondiElimina
  9. Bellissimi!!! Brava!!! Naturalmente copierò l'idea e la proporrò allo Gnomo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sophie, Francesca, CartaCanta: grazie grazie grazie!!fatemi sapere risultato e Gnomo-gradimento!

      Elimina
  10. Ciao Giada
    anche se in ritardo eccomi ;-) grazie per aver partecipato al creativy link e per le tue idee davvero originali sono felice di conoscerti e ti seguo con piacere ciao rosa.kreattiva

    P.s. è un idea davvero originale, perchè quando non si può stare all'aperto ad ammirarli si può ritrovarli dentro casa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, no! Grazie a te! Il creativity link è davvero una bella idea, e una bellissima occasione per scambiare progetti e spunti, e poi tu l'hai reso bellissimo, che lavorone! E che bello averti qui!

      Elimina
  11. No ma sei bravissima! Sono rimasta a bocca aperta, complimenti! Ed essendo anche io una super-imprecisa, lovvo già tantissimo questa tecnica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Lallabel, da super-imprecisa a un'altra: questa sarà la nostra vendetta: i cerchi sono tagliati come vengono, i colori spintonati qua e la, le macchiette sono auspicabili, insomma un sollievo!!

      Elimina
  12. ma sono spettacolari!!!! fanno un figurone!!! complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie! in effetti in confronto alla fatica della preparazione fanno la loro porca figura!!!!

      Elimina
  13. anch'io mi ero rassegnata a una vita senza papaveri...fin'ora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Papaverofila anche tu!! Che destino crudele il nostro, con tutti i fiori semplici e disponibili del mondo innamorarsi proprio dei papaveri!!!

      Elimina
  14. Non solo ce l'hai fatta ma con largo anticipo...sei la prima di questo nuovo tema. Tu sei una Creativa con la C maiuscola e non potevi mancare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima prima!! Da ritardataria a pole position... grazie per la C maiuscola, detta da un'altra maiuscola è un vero piacere!

      Elimina
  15. anch'io amo tantissimo i papaveri! oggi ne ho scattato non so quante foto! che bella idea! sono contentissima di averti trovato: il tuo modo di scrivere mi fa tanto ridere e fai delle cose bellissime! ti seguo sia qui che su fb :) lisa

    RispondiElimina
  16. Che belli questi papaveri!!!io li adoro e questi rendono tutta la loro poesia....
    un sorriso.
    Niki

    RispondiElimina
  17. ma i fogli del lucido quelli che usavamo a scuola per educazione tecnica?

    No perchè io mi ci voglio fare gli orecchini coi tuoi papaveri!!!!

    RispondiElimina
  18. I papaveri, sono anche i MIEI fiori preferiti.. e adoro i tuoi! Da ricreare sicuramente!!
    E mi piacciono un casino anche le tue dita, perennemente sporche di colore!! ;)

    RispondiElimina
  19. Bellissimi, sembravano in rilievo quando li ho visti all'inizio! Ti ho pinnata :P

    RispondiElimina
  20. Sono anche i miei fiori preferiti e questo tuto suggerimento è tutto da copiare.
    Brava!

    Grazia

    RispondiElimina
  21. MI sono innamorata dei tuoi papaverie oggi corro a comprare la carta da lucido per divertirmi con mandorlina! Che bell'idea hai avuto =))

    RispondiElimina
  22. ma fa 'mattì!!!(fa impazzire!!!), come si dice dalle mie parti!

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...