martedì 3 aprile 2012

Gli auguri di Pasqua e di spago

Vorrei iniziare questo post ringraziando la fonte che me l'ha ispirato.

Cara Fonte
ti ho perso. 
Non ho assolutamente più idea di chi tu sia e di come tu sia arrivata a me, ma grazie. Sapere che la tua tecnica ti è sopravvissuta e mi ha sedotta al punto da spingermi a provarci dovrebbe essere per te di grandissima soddisfazione e conforto. Spero che sia così, perchè è più o meno tutto ciò che otterrai da me oggi...

Ecco, ora posso raccontarvi che questa tecnica è stupenda, permette di ottenere grandi risultati con il minimo sforzo, pochissimi materiali e poco tempo a disposizione, basta darle fiducia fino alla fine perchè sarà solo allora che il suo fascino diventerà evidente. Di cosa sto parlando? 
Seguitemi e lo scoprirete! 
Iniziamo dalla spesa che occorre fare...

In una ciotola abbastanza ampia si mescolano la farina, la colla vinilica e l'acqua calda. Il risultato sembra essere una ciotola di vetro rovinata per sempre, ma in realtà il composto si pulisce molto bene con acqua, almeno finchè è fresco... 

A questo punto si ritaglia un lungo tratto di spago e lo si immerge nel brodo primordiale creato.
Si stende la carta da forno e vi si disegna una scritta, o una forma, che si desidera riprodurre con lo spago. Si scola lo spago dal brodino e lo si piega e gira seguendo le lettere disegnate sulla carta.
Ora occorrono fiducia e pazienza. So quel che sembra: un enorme paciocco intriso di farina colla e acqua. Non ha ancora molto fascino in effetti, ma se ve lo dimenticate in un angolo per qualche ora avrà molto da dirvi. 
Nel mio caso, per esempio, vi dirà...


e grazie al Piccolo Raccoglitore Puki e alla bellezza dei suoi fiorellini, la mia scritta di spago potrà solo migliorare...


Credo che le scritte di spago torneranno a casa mia. Forse verranno per decorare la porta della camera del Puki con il suo soprannome, o le sedie del tavolo di Pasqua come segnanome degli invitati, forse si trasformeranno in un "Benvenuto" da appendere vicino alla porta d'ingresso o forse in coniglietti sottopiatti. 
Certo è che, mia cara Fonte dimenticata, la tua tecnica non me la dimentico più!


 

39 commenti:

  1. Fighisssima questa decorazione :D
    Buona Pasqua quindi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yeah!!! Lo è vero? sissi lo è!!!;P

      Elimina
  2. Bellissima idea, grazie alla fonte misteriosa; enorme divertimento nel leggere il post e ridere :)
    Quel brodo primordiale bianco non evoca brutte cose, è rassicurante.
    Lo faccio anche io!
    (quando non so, ma intanto archivio)
    (maddò quanto si brava)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;D grazie... maddò...io brava? E tu trooppo bbuona sei!Fallo fallo, se mi fosse venuto in mente prima avrei fatto i sottobicchieri a coniglio, adesso mi tocca ricreare il brodino, aaaaah, che peccato!

      Elimina
  3. bellissima la scritta in spago! sei una fonte continua di idee

    RispondiElimina
  4. mi piace tantissimo!!!Oggi vado a comprare l'unico ingrediente mancante (colla vinilica) e mi metto al lavoro!!!Grazie mille!!!!!BUONA PASQUA anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai! Grazie a te Romi!FAmmi sapere come va!e quelli della colla tra l'altro che fanno le confezioni da 100 gr e qualcosa, se la trovi ne fai fuori una e ti togli il pensiero!

      Elimina
  5. Appena letto e sono già innamorata di questa tecnica. Mi hai dato un senso alla giornata :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu con questo commento!Tanto tanto carina, grazie!!

      Elimina
  6. bellissimo! ho sempre usato solo acqua e vinavil...proverò con l'aggiunta della farina!! grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mami, grazie!! Con la farina credo rimanga più rigidino, però ce lo otri raccontare tu se provi. Ciao!

      Elimina
  7. Bellissima idea e bellissima tecnica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yeah! E con un sacco di possibilità!!

      Elimina
  8. Forse ce la potrei fare anch'io!!
    Idea semplice e versatile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la puoi fare eccome, se ce l'ho fatta io!!!! Comunque è davvero cosa di qualche minuto, prova!!!

      Elimina
  9. Belllooooo.... e sembra facile. POsso farlo con le mie tre meraviglie come regalino per pasqua per le nonne :-D grazie dell'idea e ocmplimenti per il blog ti seguo spesso anche si ti scrivo poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia... scrivimi di più!!!;P Grazie e secondo me è adattissimo per le nonne!Se hai tre meraviglie un pochino grandi lanciatevi perché vi divertirete un sacco!Il mio voleva mettere il vinavil sul cane, ma è un tantino troppo piccolo, in effetti...;D

      Elimina
  10. Eh, ma questa è una figata geniale!
    Cara fonte, pur'io userò la tua idea e grazie pure a te che hai condiviso ^_^

    RispondiElimina
  11. il pastrocchio bianco me lo vedo già che cola dal tavolo della cucina e finisce lungo tutto il pavimento, mani impiastricciate di brutto ma nonostante tutto mi sa che lo proverò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le mani.... bè niente manicure prima di questo, o guantoni... io ovviamente non ho proprio pensato di perdermi il pastrocchio bianco sotto le unghie quindi niente guanti, ma il tavolo si è (quasi) salvato!!!

      Elimina
  12. La tua creatività mi piace davvero tanto. Quando ne avrai voglia partecipa al mercoledì dell'arte perchè darai ottimi contributi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia, grazie! Sarà un vero piacere, sperando di dare contributi almeno accettabili!!!;D

      Elimina
  13. Un plauso alla fonte e alla sua imperatura memoria e un plauso alla fontanella che l'ha ricordata! Quindi lo spago diventa una roba solida e dura? perchè, cara fontanella, m'hai versato un bicchiere d'idea: secondo te ci si posson fare ciotole e ciotoline, arrotolando con precisione lo spago imbalsamato attorno ad una ciotola già esistente? Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah! Questo mi piace tanto: da un'idea ne nasce un'altra, assolutamente geniale! Ebbene sì, lo spago diventa duro, asciugando assume la forma che gli hai dato, pertanto secondo me si possono assolutamente fare ciotole e ciotoline!!! Prova!!!!!!!!! Tieni solo presente che la carta forno serve a non far attaccare la colla al supporto, pertanto forse la ciotola andrebbe unta esternamente, ma sono certa che si possa fare!!Fammi sapere!!!

      Elimina
  14. molto carina come idea, me la segno per uno dei nostri prossimi lavori ma... mi segno anche la fonte :)

    RispondiElimina
  15. Ti ho scoperto da pochi minuti e mi piaci già un sacco, ti ho già condiviso sul gruppo di Facebook di cui sono ideatrice

    http://www.facebook.com/#!/groups/easymami/427232993960422 sono certa che tutte le "mie" fedelissime e industriosissime EASYMAMI ti adoreranno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wonder Roby, grazie! E adesso sono una Easymami anch'io!

      Elimina
  16. questa idea non me la lascio di sicuro sfuggire!! Non so quando ma ci proverò!! Ti ho appena scoperto, ma tornerò di sicuro a trovarti. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando hai 5 minuti, davvero solo 5! E guarda che adesso ti aspetto!

      Elimina
  17. Acqua calda e farina aggiunte alla colla? Aivoglia io a sprecare barattoli di vinavil...se avessi saputo prima della farina avrei risparmiato parecchi €!!!
    Cmq...in che proporzioni devo mescolare questi tre ingredienti?
    La scritta è fichissima, la si può utilizzare per svariate creazioni!!! Grazie della dritta!
    Alessia

    RispondiElimina
  18. Bella la tua scritta, anch'io ho usato questa tecnica usando però acqua e vinavil, proverò aggiungendo la farina grazie per questo suggerimento.Vengo dal Linky Party,piacere di conoscerti.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io proverò togliendola! Piacere mio! Benvenuta!!

      Elimina
  19. Che bella idea, e soprattutto come e' fatto bene questo post! A presto Eli .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma soprattutto grazie Eli, che bellissimo commento!! A presto!

      Elimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...