lunedì 28 maggio 2012

La decorazione a rilievo con la colla a caldo

La prima volta che ho usato la pistola della colla a caldo mi sono bruciata un dito. La seconda volta... pure.... 
Posso con orgoglio affermare che qualche giorno fa, dopo anni di smodato amore e utilizzo di questo oggettino del fai-da-te per incollare le superfici più disparate... mi sono scottata un polso.
Ciononostante non mi arrendo e consiglio a gran voce a tutti coloro che vorranno ascoltarmi di procurarsi una pistola "sparacollatrice", nel caso in cui vi mancasse questo attrezzo fondamentale, e di provare a utilizzarla, una volta tanto, non per ustionarsi i polpastrelli, ma per effettuare una...


Ho visto questa idea sul blog d'Oltreoceano Pure and Noble e mi sono lanciata nella sperimentazione utilizzando un vasetto di vetro che girolava annoiato per la cucina
Alla colla e al contenitore bisognerà aggiungere una bomboletta spray per rifinire il capolavoro che si sta creando, ma cominciamo dal principio.
Dopo aver scelto la decorazione che si desidera ottenere la si riporta sull'oggetto da decorare con una matita morbida o con il pastello a cera bianco, per il quale ho scoperto un nuovo utilizzo dopo essermi interrogata sulla ragione ultima della sua esistenza...
A questo punto si segue la scritta o il disegno con la colla a caldo, cercando di non far entrare in contatto con la delicata pelle delle mani quel liquidino viscoso bollente...
La colla asciugherà in pochi istanti e , in caso di ciofeca, sarà sufficiente staccare con facilità la scritta e riprovare...
Una veloce passata di spray trasformerà infine l'anonimo vasetto in un tronfio e orgoglioso vaso portafiori!

Visto che l'intero procedimento richiede pochi minuti (applicazione del Foille a parte...), ci si può sbizzarrire nelle decorazioni e nei colori dello spray!
La colla a caldo, inoltre e ovviamente, si adatta a ogni superficie, ed ecco perchè, dopo un po' di pratica, mi lancerò in esperimenti per realizzare scatole-contenitori per la dispensa e oggettini per il Puki: vecchi tappi di barattolo diventeranno medaglie al valore, una striscia di cartone si trasformerà in una decorata corona e sicuramente rovinerò una maglietta per vedere come questa decorazione a rilievo funziona sui tessuti.
Se, al termine di questi tentativi, avrò ancora polpastrelli per battere sulla tastiera, vi farò sapere com'è andata!!
Buona settimana!

26 commenti:

  1. Stavolta non mi cogli sorpresa come con tutte le tue proposte, questa è una cosa che ho usato spesso nei miei "attacchi d'arte". Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diamine! Un po' mi dispiace, ma d'altro canto ero sicura che sarebbe accaduto: per me ci sono un sacco di cose che sono novità assolute, ma poi mi rendo conto che ho scoperto l'acqua calda!!!!;D Però mia esperta adesso ti toccherà darmi consigli su come usarla: che attacchi d'arte hai portato a termine? Come la uso per il nanetto???

      Elimina
    2. Certo appena trovo il tempo ti faccio una foto, l'utilizzo è più o meno il tuo fatto con nanetti più grandicelli ma quando c'è una mamma come te tutto si può!! Un abbraccio

      Elimina
  2. bello il vaso!
    io ho fatto una cosa simile prima di aprire il blog e fotografare tutto come un giapponese al vaticano. La colla a caldo è il mio grande amore, la uso per tutto praticamente, e mia figlia seppur terrorizzata ci prova pure lei :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EHEHEHE, in effetti la sindrome da giapponese è in agguato!!!!! A che età hai permesso l'avvicinamento della figliola terrorizzata a questo strumento di tortura?

      Elimina
    2. 5 anni e si è bruciata un pochino solo una volta. Quando faccio lavoretti si avvicina guardinga e ogni tanto ci prova, ma se nei paraggi scorge la vinavil non c'è gara :)

      Elimina
    3. l'altro giorno mi ha detto "posso toccarlo o devi prima fotografarlo?"...insomma sono mezza matta pure per mia figlia ahahahha

      Elimina
    4. Cioè la tua cinquenne si è brucita aun pochino solo una volta e io, con 30 anni in più sul groppone mi brucio OGNI volta!?!?!?!Diciamo che i nativi digitali sono un passo avanti, sennò ne faccio io tre indietro e mi butto di sotto!!!! Comunque il vinavil non ha rivali, ti puoi incollare i polpastrelli e staccare l'impronta digitale... non si batte uno così!!!

      Elimina
  3. Molto carino...un'alternativa al piombo per la decorazione del vetro :)

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto sorridere xD
    Carina l'idea! Bravissima!
    +++
    The Reality Of A Dream

    RispondiElimina
  5. caspita sei temeraria... am se trovi, in questi tuoi esperimenti la maniera per evitare di appiattire le impronte digitali... fai un fischio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze!!!Che bello sapere di aver suscitato sorrisi con la mia temerarietà!!;D

      Elimina
  6. bellissima!!! guarda caso ho appena comprata la pistola per la coda a caldo e ho una marea di barattoli di ness-caffè vuoti!
    Mariana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariana!! il momento di lanciarti allora!!;D

      Elimina
  7. Ma grande! Nuova applicazione della colla a caldo, e sopratutto qualcosa da fare per il pastello bianco! Vado a nanna felice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, si è più sollevati ora, vero? E il pastello bianco sente crescere la propria autostima!!

      Elimina
  8. Ah ah, mi superi anche in scottature...al polso non ci sono mai arrivata! ;-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, qui si è il gran visir delle scottature!! Con il forno ho ricreato una piacevole zebratura nell'avambraccio...

      Elimina
  9. Belloooo il vasetto. Vorrei confortarti: tu continua i tuoi esperimenti, fallo per noi lettrici affezionate.
    Se ti giochi i polpastrelli, puoi sempre scrivere con le nocche. Posso aiutarti anche così: semmai mi detterai al telefono e ti scrivo io il post :)

    Ps. non provare sui tessuti. Lì vai diretta con i colori per tessuti, quelli che si gonfiano ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHAH, d'accordo, scriverò con i gomiti oppure, adagiata mollemente sul divano, ti detterò le mie memorie soffiando sui polpastrelli fumanti!! Ora sono più serena, grazie!
      P.S: sapevo che quella dei tessuti era una pirata, d'accordo quella non la provo...
      BACIO!!

      Elimina
  10. Anch'io sono una fans sfegatata della colla a caldo!!! Ho "iniziato" anche i miei figli a quest'"arte"...
    http://mikkamade.blogspot.it/2012/05/calamite-fai-da-te.html
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andata a vedere la vostra idea e mi sa che copio!! Siete dei maestri della pistola!!

      Elimina
  11. Ciaoooo.Bella idea...grazie infinite...e grazie anche per la tua simpatia,ho sorriso tutto il tempo a leggere quello che hai scritto:-).
    Mary

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...