lunedì 27 febbraio 2012

le mille facce di un biscotto intollerante!

"Trovo molto interessanteeeee la mia parte intolleranteeee", canticchiare Caparezza impastando biscotti al farro nella cucina nuova, con in più la finestra spalancata sul giardino assolato, rimette assolutamente in pace col mondo e con sè stessi, e alla fine di una settimana stressante sabato io e Puki abbiamo fatto una seduta di biscotto-terapia, divertentissima e un po' speciale...
Il nonnetto coi baffi (emh... papà è un caso!)
Se non avete mai giocato a scoprire le mille facce nascoste di un biscotto dovete farlo immediatamente!
Le regole sono semplici: si impasta il biscotto preferito e si ritaglia un set di tutte le forme che la vostra mente bacata può immaginare...



Quando i biscottini sono cotti... si gioca!




Ed ecco che il nonnetto con i baffi si trasforma... in bebè!

 
 E questo biscotto arrabbiato?

Il capufficio in agguato alla macchinetta del caffè...
Chi altro c'è?
 
La vecchietta che dispensava consigli sui porri al mercato...
il baffuto direttore del circo...
...e i due clown

L'uccellino con le zampe a stecco...

... e il pulcino


E poi si pappa senza pensarci troppo perchè la ricetta di questi deliziosi biscotti, "rubati" a Tempo di Cottura, è priva di grassi animali e uova. Il risultato è un frollino morbido e profumato, ma allo stesso tempo leggero e adatto, tra l'altro, anche alla merenda di bimbi con intolleranze a latte e uova.
 In quanto tale partecipa di diritto alla raccolta "Siamo alla frutta", dove raduno le idee più sane e gustose per la merenda dei nanetti.

Qui trovate la divertente e serpentosa ricetta originale di Natalia, ma nel frattempo vi trascrivo la "mia" versione, con il succo di mela (nuovo amore assoluto del nanetto) e la farina di farro.

Ingredienti
100gr di olio di semi, 50gr di miele, 50gr di zucchero di canna (nella ricetta originale 60), 100gr di succo di mela, 320gr circa di farina di farro (o quanta ne assorbono i vostri ingredienti), una bustina di cremor tartaro
Si sciolgono innanzitutto miele e zucchero nel succo di mela, si aggiunge l’olio, poi la farina setacciata con il lievito. Si mescola fino ad ottenere un impasto morbido, ma che possa essere lavorato, aggiungendo al limite poca farina alla volta per raggiungere la consistenza giusta. Prelevando poca pasta alla volta si modellano i biscotti sistemandoli di volta in volta sulla teglia. Si inforna a 170° per circa 15 min.

Il mio procedimento è cambiato leggermente perchè per uniformare la cottura di tutti i pezzetti ho infornato prima le forme più grandi e dopo una decina di minuti quelle più piccole, che sono rimaste in forno poco poco, 5 minuti al massimo.

Domenica erano terminati. E se questo non bastasse a convincervi della bontà della ricetta, nonostante la sua sanissima facciata, sappiate che sono stati apprezzati da tutti...

No, lui non fa testo, lui mangerebbe anche un paracarro...il vero miracolo è stato vederli, anche se solo con la coda dell'occhio, assaggiare da ... 
LUI!



11 commenti:

  1. Wow!Proprio un'idea carina!Ci provo subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova! Specie se hai un bimbo un po' più grande del mio, che si è divertito, ma soprattutto ha mangiato mille pezzetti!

      Elimina
  2. Che bella attività, simpatica e dolcissima..mi sembra che conivolga i 5 sensi: tatto (nell'impasto), olfatto (nella cottura), vista (nel formare forme carine), udito (nelle risate a formare persone strane), gusto (mmm devono essere buonissimmi)
    e non solo..
    immaginazione, ricordi, senzazioni, manualità..
    Brava davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WOW! Che bel commento! Grazie per i complimenti e sì, è così! Per questo mi ha fatto impazzire realizzare questa idea, è stata anche liberatoria per il mio stress...

      Elimina
  3. Che bel gioco! Bello e buono :-)
    Quando ho tempo ti "rubo" l'idea e magari, per continuare a giocare, si potrebbero creare delle forme uguali con la pasta di sale!
    Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruba Ruba! Pubblico anche per quello! Però ricordati che con la pasta di sale purtroppo "perdi" l'effetto "profumo per la casa"dell'infornata ;D

      Elimina
    2. Hai ragione... il profumo di biscotti è unico!

      Elimina
  4. Sono bellissimi! Proveró la ricetta che va benissimo anche per le mie intolleranze :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Tilia, è perfetta, e devo dire che di quelle provate della categoria "senza" è una delle migliori.

      Elimina
  5. Buonissimi! E poi che sfizio le faccine!

    RispondiElimina
  6. HEI, MI PIACCIONO LE TUE IDEE. QUANTI SPUNTI!! CIAOO

    RispondiElimina

Potrebbero interessarti anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...